Toggle navigation

Cavanna

L'uomo che inventò Fausto Coppi

C:\fakepath\cavanna_cop.jpg
  • PAGINE: 130
  • FORMATO: 24x29 cm
  • LINGUA: Italiano
  • RILEGATURA: Brossura filo refe
  • PRIMA EDIZIONE: ottobre 2006
  • ISBN: 9788888829340
  • COLLANA: Ritratti
20.00   Ediciclo Editore

Riconosceva i campioni dai fianchi, poi ne studiava il collo e il torace, infine ne ascoltava il cuore. Parlava in dialetto, odiava il bastone bianco, si toglieva il basco solo quando cominciava a massaggiare. Le sue mani erano come occhi: vedevano, anzi di più, prevedevano. Biagio Cavanna era “il mago di Novi”, “l’orbo di Novi”, “l’omon di Novi”. Gareggiò con Girardengo, massaggiò Guerra, scoprì Coppi, lanciò Milano e Carrea, Gismondi e Filippi. E fondò una scuola di ciclismo che era un incrocio tra un collegio universitario e un monastero benedettino.


Biagio Cavanna, lo scopritore di Coppi, raccontato dalle migliori firme del giornalismo sportivo: Candido Cannavò, Giuseppe Castelnovi, Carlo Delfino, Nazareno Fermi, Mario Fossati, Claudio Gregori, Rino Negri, Marco Pastonesi e Franco Rota. Con una poesia di Francesca Grazzini e una testimonianza di Ada Cavanna.

Immagini interne

cavanna_quarta.jpg
Libri correlati

Il tuo carrello

Procedi all'acquisto

Prosegui con lo shopping