Toggle navigation

L' attrazione dei passi

Piccolo invito a scoprire cosa c'è oltre le cime

C:\fakepath\attrazione dei passi cop.jpg
  • PAGINE: 96
  • FORMATO: 11x16,6 cm
  • LINGUA: italiano
  • RILEGATURA: copertina con stampa in rilievo
  • PRIMA EDIZIONE: febbraio 2023
  • ISBN: 9788865494332
  • COLLANA: Piccola filosofia di viaggio
9.50  
  • NON DISPONIBILE

IN LIBRERIA DAL 10 FEBBRAIO 

Un’apologia dei passi e del guardare oltre, per comprendere quelli che sulla carta sono degli spartiacque tra culture e invece sono finestre su altri mondi. Il desiderio di salire in cima per poter conquistare un pezzo di orizzonte e un’altra avventura.

I passi esistono ovunque ci siano montagne saldamente fissate al suolo e persone erranti che necessitano di attraversarle. 

E una volta  giunti in cima è umano, oltreché naturale, fermarsi un istante a tirare il fiato e osservare il mondo da un’altra prospettiva. Nietzsche, uno che le montagne amava frequentarle, parlava del pathos della distanza: guardate da lontano le cose appaiono migliori. Perché da lassù, se il tempo è clemente, si riesce davvero a guardare lontano. Eppure ormai alla fatica del passo – salita o discesa, sempre fatica si fa – in tanti preferiscono l’anonima comoda rapidità del tunnel. E invece io «quando arrivo in alto mi sento felice, come un cammello che arriva all’oasi», come diceva Osvaldo Soriano. Da sempre mi attira quest’idea di arrivare in cima senz’altro motivo di soddisfare la curiosità di osservare che cosa c’è lassù, adocchiare che cosa si vede intorno, fare un’esperienza che prima o poi tornerà utile, sporgermi per vedere cosa si scorge in basso nella valle seguente e poi guardare l’orizzonte.

Libri correlati

Il tuo carrello

Procedi all'acquisto

Prosegui con lo shopping