Toggle navigation
news

Intervista a Mauro Buffa. In viaggio con l'autore, alla scoperta dell'Australia

C:\fakepath\formato per NEWS sito EDICICLO.png


Giovedì 1° febbraio uscirà il nuovo libro di Mauro Buffa: SOTTO IL CIELO DELL’AUSTRALIA. TRA CITTÀ E DESERTI DEL CONTINENTE DOWN UNDER. Dopo i successi dei reportage precedenti (Sulla Transiberiana, Sulla Transmongolica e Usa coast to coast, che potete trovare cliccando qui), l'autore-viaggiatore trentino riparte per una nuova avventura nel cuore dell’Australia, continente con un’anima sfaccettata, ora selvaggia ora innovativa. L'abbiamo intervistato in anteprima per voi.

Mauro il tuo nuovo libro ci porta in Australia, perché proprio laggiù?

Il mio modo di viaggiare via terra, privilegia gli attraversamenti da una parte all’altra di  un continente. L’Australia si prestava alla perfezione.

Un Australia coast to coast quindi?

Certo, ma non solo. Anche un’esplorazione dell’outback, l’interno del continente. Un deserto fuori dal mondo contemporaneo eppure cuore dell’Australia con i suoi significati simbolici.

Che cosa hai trovato?

Città modernissime con alta qualità della vita lungo la costa e un interno spopolato, arido e duro dove conta la capacità di resistenza.

E l’ambiente umano?

Gioviale e rilassato. Lo stress occidentale è sconosciuto. Le grandi città sono poi multietniche, un miscuglio di razze, colori, suoni e odori davvero affascinante.

Molti ragazzi oggi sognano l’Australia come terra di opportunità lavorative. È così?

Solo se si accontentano di fare lavori di basso livello oppure se sono super specializzati. In Australia scarseggia la manodopera per quei lavori che i cittadini non vogliono più fare come i lavori agricoli oppure in luoghi remoti. Mancano anche medici specializzati in biotecnologie. Non cercano certo impiegati o insegnanti.

Quando si parla di Australia si pensa alla natura sconfinata. Com’è?

Unica. È un continente con caratteristiche che non si trovano in nessuna altra parte del pianeta sia nella flora che nella fauna, comprese  molte specie animali pericolosissime.

L’immagine che più ti è rimasta impressa nella mente?

Il sorgere del sole a Uluru, il monolite simbolo dell’Australia.

Qualche impressione negative?

La tristissima condizione degli aborigeni, da originari abitanti del continente a minoranza decimata.

Come è strutturato il tuo prossimo libro, cosa svelerai ai tuoi lettori?

Non seguo nessun filo precostituito. Semplicemente viaggio e racconto giorno per giorno ciò che vedo e quello che mi capita. Credo sia l’unico modo di scrivere un libro di questo genere. Buona lettura!

Il tuo carrello

Procedi all'acquisto

Prosegui con lo shopping