Toggle navigation

In punta di pennino

Cesare Sangalli 50 anni di ciclismo disegnato e raccontato

C:\fakepath\In-punta-di-pennino.jpg
  • PAGINE: 144
  • FORMATO: 14.2x21 cm
  • LINGUA: italiano
  • RILEGATURA: brossura
  • PRIMA EDIZIONE: 2005
  • ED. CORRENTE: 2005
  • ISBN: 978-88-88829-18-0
  • COLLANA: Miti dello Sport
12.00   Ediciclo Editore

Il ciclismo, la storia, le strade, questo nostro vecchio, bellissimo Paese. Sì, l'Italia. Cesare Sangalli, cartografo del Giro d'Italia e di tante altre corse che hanno sempre avuto La Gazzettta dello Sport come punto di riferimento, nei suoi oltre 50 anni di cammino fatto dentro l'organizzazione delle corse, ha avuto in fondo sempre un suo personalissimo osservatorio. A lui interessavano infatti soprattutto le strade e i percorsi, le montagne e le discese, quel filo nero che poi, rigorosamente a china (proprio "in punta di pennino"), rappresentava nell'altimetria delle corse, quei disegni più o meno appuntiti che da sempre  sono tra l'altro quel che più interessa ai corridori ai ritrovi di partenza. Dunque 50 anni di ciclismo, che non posono non essere anche mezzo secolo di storia italiana, da quel che eravamo a quel che siamo,  con un'Italia di un tempo che non c'è praticamente più: le stesse strade ne sono un segnale e una conferma. Dal suo ingresso nell'Organizzazione (la chiama sempre così Sangalli, rigorosamente con la maiuscola), alle mitiche salite dolomitiche; dalle tappe leggendarie che hanno costruito il mito del nostro ciclismo, ai campioni che ne sono poi stati i protagonisti principali. Un lungo racconto, popolato di storie e ricordi, legato forte assieme dalla passione per il ciclismo e da un attaccamento e dedizione al suo lavoro davvero esemplari. Buona lettura.

Immagini interne

In_punta_di_pennino_4.jpg

Il tuo carrello

Procedi all'acquisto

Prosegui con lo shopping