Toggle navigation

L'arte di perdere tempo

Piccola celebrazione della sosta e degli imprevisti

C:\fakepath\l'arte-di-perdere-tempo_cop.jpg
  • PAGINE: 96
  • FORMATO: 11x16 cm
  • LINGUA: Italiano
  • RILEGATURA: Brossura filo refe
  • PRIMA EDIZIONE: gennaio 2017
  • ISBN: 9788865492116
  • COLLANA: Piccola filosofia di viaggio
9.50   Ediciclo Editore

Nell’epoca dei viaggi sempre più brevi, organizzati giorno per giorno, conviene interrogarsi su che cosa significhi scoprire altri paesi e altre culture. Il viaggio può, attraverso la complessità delle sue tappe – imprevisti, soste forzate, incontri inattesi o insperati – stabilire una relazione differente con il tempo. Spesso sono gli interstizi del programma che, come parentesi preziose, ne rappresentano il cuore. Se il cammino vale più della destinazione, la tappa vale di più dello spostamento, e a volte il tempo perduto a un tavolino, su un divano, in una terrazza o per

una deviazione, segnerà il viaggio più che un monumento o un panorama tanto osannato. Con “L’arte di perdere tempo” siamo invitati a una sorta di elogio della lentezza e della nonchalance, per scoprire con l’autore, dall’eruzione dell’Eldfell in Islanda alle bische di Mato Grosso, da una prigione in Perù all’Extrême-Orient-Express, tutto il sapore del “tempo ritrovato”.



Immagini interne

l_arte_di_prendere_tempo_quarta.jpg
Libri correlati

Il tuo carrello

Procedi all'acquisto

Prosegui con lo shopping